Statuto

8 maggio 2009 19:55

Repertorio n.56326

Raccolta n.21529

ATTO COSTITUTIVO DELL’ ASSOCIAZIONE ONLUS DENOMINATA “BROTO”

REPUBBLICA ITALIANA

L’anno duemilasette, il giorno ventuno del mese di novembre – 21 novembre 2007 – In Venafro, nel mio Studio, alla Salita Vincenzo Cuoco, n.2.

Innanzi a me dottor ANTONIO VENTRIGLIA, Notaio in Venafro, iscritto al Collegio Notarile dei Distretti Riuniti di Campobasso, Isernia e Larino, sono presenti:

    • CARRATU’ DONATO, dirigente, nato a Torino il 23 (ventitrè) ottobre 1965 (millenovecentosessantacinque), residente in Scapoli alla via Ponte, n.40, codice fiscale dichiarato: CRR DNT 65R23 L219R;
    • BUONDONNO ANTONIO, imprenditore, nato a Venafro (IS) il 24 (ventiquattro) gennaio 1965 (millenovecentosessantacinque) ivi residente alla via Vittorio Alfieri, n.67 int.21, codice fiscale dichiarato: BND NTN 65A24 L725F;
    • TREGLIA GIANFRANCO, dirigente, nato a Formia (LT) il 16 (sedici) agosto 1961 (millenovecentosessantuno) ivi residente alla C.da Castagneto, snc, codice fiscale dichiarato: TRG GFR 61M16 D708P;
  • IOVINO LORENZINO, imprenditore, nato a Cassino il 29 (ventinove) novembre 1970 (millenovecentosettanta), residente in Mignano Monte Lungo (CE) alla C.da Giardini, snc, codice fiscale dichiarato: VNI LNZ 70S29 C034J.

Della personale identità dei costituiti, cittadini italiani, io Notaio sono certo. I medesimi mi richiedono di ricevere questo atto col quale convengono e stipulano quanto segue:

  • ARTICOLO I – Denominazione – Sede

    I costituiti dichiarano di voler costituire, come in effetti costituiscono, una organizzazione non lucrativa di utilità sociale, di ispirazione cristiana, di volontariato, senza discriminazioni di carattere politico, religioso e di razza denominata “BROTO ONLUS” con sede in Scapoli alla via Ponte, n.40 con codice fiscale: 90031680946. L’associazione potrà costituire gruppi e sedi amministrative ed operative ovunque riterrà opportuno, anche all’estero.

  • ARTICOLO II – Finalità e Funzioni

    L’associazione ha lo scopo di sensibilizzare, informare e promuovere aiuti anche verso gli altri Paesi e nello specifico quelli svantaggiati e quelli in via di sviluppo. Ispirandosi a principi di solidarietà umana l’Associazione, che non ha scopo di lucro, si propone di:

    • promuovere iniziative di solidarietà ed educazione interculturale, orientate al mondo giovanile, per orientare in senso positivo le dinamiche di mutamento della società civile sia in Italia che nel resto del mondo;
    • impegnarsi in attività di educazione allo sviluppo per far crescere nell’opinione pubblica la comprensione dei problemi, la valorizzazione delle ricchezze e risorse artistico culturali degli altri Paesi del mondo e in modo particolare di quelli più svantaggiati nonchè della globalità dello sviluppo;
    • promuovere, anche attraverso relazioni a livello nazionale ed internazionale, iniziative a sostegno dell’affermazione dei diritti umani individuali e collettivi riconosciuti dalle Nazioni Unite, basandosi su principi di solidarietà tra popoli, di diffusione di una cultura di pace, di pratica della non violenza, di tolleranza e dialogo;
    • realizzare attività di istruzione, preparazione, formazione professionale, aggiornamento, perfezionamento e informazione rivolte tanto a chi collabora o simpatizza con le finalità dell’Associazione, quanto ad un più ampio arco di soggetti beneficiari, in particolare giovani, donne, immigrati, rifugiati, nell’ambito di progetti internazionali, nazionali o locali;
    • collaborare allo sviluppo dei Paesi emergenti mediante lo studio e la realizzazione di progetti di cooperazione in autonomia o in appoggio con gli Istituti Missionari e le autorità locali, nel rispetto della cultura e delle compatibilità ambientali;
    • promuovere attività editoriali ai fini degli scopi istituzionali e ogni altra attività che risulti valida alla diffusione dell’informazione.

    In particolare per la realizzazione dello scopo prefisso e nell’intento di agire a favore di tutta la collettività, l’Associazione si impegna affinchè ciascun progetto non si ponga come estraneo, ma si inserisca nel tessuto sociale locale, valorizzandone le risorse e le peculiarità. L’Associazione può altresì:

    • svolgere tutte le attività connesse al proprio scopo istituzionale;
    • compiere qualsiasi operazione ritenuta opportuna per il conseguimento dell’oggetto sociale;
    • raccogliere, nei modi e con le necessarie garanzie, fondi per la realizzazione di opere in linea con quanto sopra descritto e può, altresì, compiere le operazioni finanziarie, mobiliari ed immobiliari per il conseguimento delle medesime.
  • ARTICOLO III – Durata

    La durata dell’Associazione è a tempo indeterminato. Nel caso di suo scioglimento, il patrimonio residuo sarà devoluto a favore di altre organizzazioni non lucrative di utilità sociale o a fini di pubblica utilità.

  • ARTICOLO IV – Associati

    Il numero degli associati è illimitato. Sono associati i fondatori e tutte le persone fisiche che si impegnino alla realizzazione delle finalità dell’Associazione stessa, condividendone gli obiettivi ed i metodi. E’ fatto divieto all’Associazione di distribuire, anche in modo indiretto, utili ed avanzi di gestione nonchè fondi, riserve o capitali durante la Sua vita salvo quanto previsto da norme vigenti. Gli associati si dividono in:

    • soci fondatori;
    • soci ordinari;

    Sono fondatori coloro che sottoscrivono questo atto costitutivo dell’Associazione. Sono ordinari coloro che chiedono l’iscrizione dietro presentazione di domanda scritta e la cui ammissione viene accettata dal Consiglio Direttivo. Ciascun associato deve corrispondere la quota annuale nella misura stabilita dall’Assemblea, entro due mesi dall’ammissione e successivamente, entro i primi due mesi dell’esercizio in corso. Hanno diritto di partecipare all’Assemblea ordinaria e straordinaria tutti i soci regolarmente iscritti e in regola con le quote sociali. A seguito del versamento della quota associativa, il Consiglio Direttivo cura l’annotazione dei nuovi aderenti nel libro degli associati. La qualità di associato si perde:

    • per recesso;
    • per mancato versamento della quota associativa per due anni consecutivi, trascorsi due mesi dall’eventuale sollecito;
    • per comportamento contrastante con gli scopi dell’Associazione;
    • per persistenti violazioni degli obblighi statutari.

    L’esclusione degli associati è proposta dal Consiglio Direttivo, che sospende l’associato fino all’Assemblea seguente, e deliberata dall’Assemblea degli associati. In caso di proposta di esclusione, devono essere contestati per iscritto all’associato gli addebiti che allo stesso vengono mossi, consentendo facoltà di replica. Tale provvedimento, quindi, è comunicato all’associato a mezzo di raccomandata con avviso di ricevimento. Entro trenta giorni da tale comunicazione l’associato può presentare ricorso all’Assemblea a mezzo di raccomandata con ricevuta di ritorno inviata al Presidente dell’Associazione. Ciascun associato può recedere liberamente dall’Associazione. La dichiarazione di recesso deve essere comunicata per iscritto al Consiglio Direttivo e ha effetto immediato. Il socio receduto o escluso non ha diritto alla restituzione delle quote associative versate, nè può vantare diritto alcuno sul patrimonio dell’Associazione, ad eccezione di quanto previsto dalle norme vigenti. L’attività dell’Associazione è svolta prevalentemente dai propri associati in maniera gratuita, spontanea e personale, salvo il rimborso delle spese sostenute previamente autorizzate.

  • ARTICOLO V – Amici dell’Associazione

    Sono Amici dell’Associazione coloro che condividono i suoi scopi e la sostengono. Si distinguono in:

    • amici onorari;
    • amici sostenitori;

    Gli amici onorari sono coloro che per particolari benemerenze vengono nominati dal Consiglio Direttivo. Gli amici sostenitori sono coloro che contribuiscono al raggiungimento del fine sociale mediante elargizioni e donazioni. Entrambi partecipano alle Assemblee con parere consultivo e sono nominati tali dal Consiglio Direttivo.

  • ARTICOLO VI – Doveri e Diritti degli Associati

    Gli associati sono obbligati:

    • ad osservare il presente statuto e le deliberazioni legalmente adottate dagli organi associativi;
    • a mantenere sempre un comportamento degno nei confronti dell’Associazione;
    • a versare la quota associativa di cui all’ art. IV.

    Gli associati hanno diritto:

    • a partecipare a tutte le attività promosse dall’Associazione;
    • a partecipare all’Assemblea con diritto di voto;
    • ad accedere alle cariche associative.
  • ARTICOLO VII – Patrimonio ed Esercizi Sociali

    L’Associazione trae le proprie risorse economiche per il funzionamento e per lo svolgimento delle proprie attività da:

    • quote associative annuali;
    • contributi degli aderenti, da enti ed istituzioni pubbliche nazionali ed internazionali;
    • donazioni e lasciti testamentari;
    • rimborsi derivanti da convenzioni;
    • beni mobili ed immobili comunque acquisiti;
    • attività commerciali marginali dell’Associazione.

    Il versamento non crea altri diritti di partecipazione e, in particolare, non crea quote indivise di partecipazione trasmissibili a terzi, nè per successione a titolo particolare, nè per successione a titolo universale. L’esercizio finanziario dell’Associazione ha inizio e termine rispettivamente il 1° gennaio e il 31 dicembre di ogni anno. Al termine di ogni esercizio, entro il 31 marzo dell’anno successivo, il Consiglio Direttivo redige il bilancio e lo sottopone all’approvazione dell’Assemblea. Il bilancio è depositato nella sede amministrativa a disposizione degli associati, almeno quindici giorni prima del giorno di convocazione dell’Assemblea.

  • ARTICOLO VIII – Organi dell’Associazione

    • l’Assemblea degli associati;
    • il Consiglio Direttivo;
    • il Presidente.
  • ARTICOLO IX – Assemblea

    L’Assemblea è composta da tutti gli associati e può essere ordinaria e straordinaria. Ogni associato potrà farsi rappresentare in Assemblea da un altro associato con delega scritta. Ogni associato non può ricevere più di due deleghe. L’Assemblea ordinaria indirizza tutta l’attività dell’Associazione ed inoltre:

    • approva il regolamento e le sue eventuali modifiche proposte dal Consiglio Direttivo;
    • approva il bilancio preventivo e consuntivo relativamente ad ogni esercizio;
    • nomina i componenti del Consiglio Direttivo;
    • stabilisce l’entità della quota associativa annuale;
    • delibera l’esclusione degli Associati su proposta del Consiglio Direttivo.

    L’Assemblea ordinaria è convocata dal Presidente o da chi ne fa le veci almeno una volta all’anno per l’approvazione del bilancio ed ogni qualvolta lo stesso Presidente o la maggioranza del Consiglio Direttivo, o un decimo degli associati ne ravvisino l’opportunità. L’Assemblea straordinaria delibera sulle modifiche dell’atto costitutivo e dello statuto, e sullo scioglimento dell’Associazione. L’Assemblea ordinaria e quella straordinaria sono presiedute dal Presidente dell’Associazione o, in sua assenza, dal Vicepresidente ed in assenza di entrambi da altra persona eletta dall’Assemblea stessa, a maggioranza, dei presenti. Le convocazioni devono essere effettuate mediante avviso affisso in bacheca presso la sede dell’Associazione almeno quindici giorni prima della data di riunione. L’avviso di convocazione deve indicare il giorno, l’ora e il luogo della riunione e l’ordine del giorno. Può inoltre indicare la data della seconda convocazione per il caso in cui la prima non possa aver luogo. In difetto di convocazione saranno ugualmente valide le adunanze cui partecipano di persona o per delega tutti gli associati e l’intero Consiglio Direttivo. L’Assemblea, sia ordinaria che straordinaria, è validamente costituita in prima convocazione quando sia presente o rappresentata almeno la metà più uno degli associati. In seconda convocazione, che non può avere luogo nello stesso giorno fissato per la prima, l’Assemblea è validamente costituita qualunque sia il numero degli associati intervenuti o rappresentati.
    Le deliberazioni dell’Assemblea sono valide quando siano approvate dalla maggioranza dei presenti, eccezione fatta per la deliberazione riguardante modificazioni statutarie e l’eventuale scioglimento anticipato dell’Associazione e relativa devoluzione del patrimonio residuo che deve essere adottato con la presenza di almeno tre quarti degli associati ed il voto favorevole della maggioranza dei presenti. Le deliberazioni dell’Assemblea vincolano tutti i soci anche se assenti o dissenzienti. Il verbale dell’Assemblea è redatto dal Segretario, salvo i casi in cui il verbale sia redatto dal notaio, su apposito libro.

  • ARTICOLO X – Consiglio Direttivo

    L’Associazione è retta da un Consiglio Direttivo composto da un numero dispari di membri da tre a sette. I Consiglieri decadono per dimissioni, o se assenti a 3 riunioni consecutive del Consiglio Direttivo senza giustificato motivo. Il primo Consiglio Direttivo è nominato con questo atto costitutivo. I membri del Consiglio Direttivo rimangono in carica tre anni e sono rieleggibili. Possono fare parte del Consiglio esclusivamente gli associati. Nel caso in cui, per dimissioni o altra causa, uno dei consiglieri decada dall’incarico, il Consiglio stesso può provvedere alla sua sostituzione per cooptazione. Tale nomina è valida fino alla scadenza del mandato del Consiglio. Nel caso decada oltre la metà dei membri del Consiglio, l’Assemblea deve provvedere alla nomina di un nuovo Consiglio.
    Il Consiglio Direttivo è investito di ogni potere per decidere sulle iniziative da assumere e sui criteri da seguire per il conseguimento e l’attuazione degli scopi dell’Associazione e per la sua direzione ed amministrazione ordinaria e straordinaria. Al Consiglio Direttivo spetta:

    1. nominare il Presidente, il Vicepresidente, il Segretario ed il Tesoriere, che rimangono in carica tre anni;
    2. eseguire le direttive generali che disciplinano le attività, i criteri e le priorità delle iniziative dell’Associazione, vigilando e controllando l’attuazione delle delibere e dei programmi dell’Associazione, nonchè la conformità dell’impiego dei contributi;
    3. discutere ed elaborare il bilancio preventivo ed il bilancio consuntivo;
    4. convocare l’Assemblea;
    5. deliberare sulle domande di nuove adesioni;
    6. provvedere agli affari di ordinaria e straordinaria amministrazione che non siano spettanti all’Assemblea degli associati,
    7. proporre in merito all’esclusione dell’associato che si sia reso inadempiente riguardo alle disposizioni del presente statuto o dell’eventuale regolamento interno. Il Consiglio Direttivo è presieduto dal Presidente o in caso di sua assenza dal Vicepresidente ed in assenza di entrambi dal membro più anziano.

    Il Consiglio Direttivo è convocato di regola ogni sei mesi ed ogni volta che il Presidente, o in sua vece il Vicepresidente, lo ritenga opportuno, o quando almeno i due terzi dei componenti ne faccia richiesta. Assume le proprie deliberazioni con la presenza della maggioranza dei suoi membri ed il voto favorevole della maggioranza degli intervenuti. In caso di parità prevale il voto del Presidente. La convocazione viene effettuata mediante avviso affisso in bacheca presso la sede dell’Associazione almeno tre giorni prima della data di riunione. Le deliberazioni del Consiglio Direttivo sono redatte su apposito libro, a cura del Segretario e sottoscritte dallo stesso e da chi ha presieduto l’adunanza; vengono conservate agli atti.

  • ARTICOLO XI – Presidente – Segretario – Tesoriere

    Il Presidente ha il compito di presiedere il Consiglio Direttivo nonchè l’Assemblea degli associati provvedendo alla formulazione dei relativi ordini del giorno. Al Presidente è attribuita la rappresentanza legale dell’Associazione di fronte a terzi ed in giudizio; redige, in collaborazione con il Consiglio Direttivo, la relazione annuale; cura l’esecuzione delle deliberazioni consiliari ed in caso di urgenza, assume i poteri del Consiglio chiedendo ratifica allo stesso dei provvedimenti adottati nell’adunanza immediatamente successiva; risponde dei fatti amministrativi compiuti in nome e per conto dell’Associazione. In caso di assenza od impedimento del Presidente, le sue funzioni spettano al Vicepresidente. Il Presidente può delegare, ad uno o più consiglieri, parte dei suoi compiti in via transitoria o permanente. Il Segretario cura la redazione dei verbali delle adunanze assembleari e consiliari, tiene aggiornato l’elenco degli iscritti all’Associazione e coordina l’esecuzione delle direttive emanate dal Presidente.
    Il Tesoriere tiene il registro delle entrate e delle uscite dell’Associazione e ne cura la contabilità.

  • ARTICOLO XII

    I comparenti procedono alla nomina del primo Consiglio Direttivo e determinano in numero di 3 (tre) il numero dei membri del Consiglio stesso, e per i primi tre anni nominano ed eleggono quali componenti del Consiglio medesimo i Signori:

    1. Presidente: Buondonno Antonio
    2. Segretario: Iovino Lorenzino
    3. Vice Presidente - Tesoriere: Carratù Donato
  • ARTICOLO XIII – Controversie

    Qualunque controversia sorga in dipendenza della esecuzione o interpretazione del presente Statuto, è rimessa a giudizio di una terna arbitrale amichevole che giudica secondo equità e senza formalità di procedura, dando luogo ad arbitrato irrituale.

  • ARTICOLO XIV – Rinvio

    Per tutto quanto non contemplato in questo atto si fa espresso riferimento alle norme del Codice Civile vigenti in materia.

  • ARTICOLO XV

    I costituiti tutti, acquisite le informazioni fornite da me Notaio ai sensi del D.Lgs. n.196/2003 e consapevoli, in particolare, che il trattamento riguarderà i dati cosiddetti “sensibili” nonchè i dati cosiddetti “personali”, prestano il loro consenso per il trattamento dei dati necessari allo svolgimento delle operazioni indicate nell’informativa.

  • ARTICOLO XVI

    Le spese di questo atto e sue conseguenziali, sono a carico dei comparenti e dell’associazione come per legge. Si chiede l’applicazione dei benefici fiscali previsti dalla legge in tema di organizzazioni non lucrative di utilità sociale.
    Di questo atto, scritto con mezzo elettromeccanico da persona di mia fiducia e completato di mio pugno su facciate sedici di quattro fogli, ho dato lettura ai costituiti che lo approvano e con me Notaio lo sottoscrivono alle ore venti e minuti cinquanta.